lunedì 1 settembre 2008

JUNGFRAU und MONCH - Berner Oberland M / A

29 - 30 - 31 Agosto 2008

Tre giornatine spaziali quelle trascorse tra Eiger Mönch und Jungfrau!
Certo è un bel viaggio: Milano – Chiasso – San Gottardo – Interlaken e infine Grindelwald, dove si sale sul mitico e costosissimo (qualcosa come 76,00 Euro a persona!) trenino che traforando l’Eiger porta fino allo Jungfraujoch (3.454 mt.) .. una cosa incredibile ed effettivamente molto, forse troppo, sfruttata da turisti di ogni genere che si avventurano con comode infradito..

Arrivati al tramonto in mezz’oretta abbiamo raggiunto, percorrendo una comoda pista battuta con gatto delle nevi :-?, il rifugio Mönchjochhütte che ci ha accolti per un paio di giorni.



La Signora Vergine (4.158 mt.) appare subito maestosa. La si vede là infondo contro il cielo, con una gonnella di seracchi ed una lunga chioma bianca che posa sul crinale roccioso. La salita è profondamente emozionante .. nella prima parte curve sinuose evitano i grossi crepacci e passano tra i due grossi seracchi prima di uscire sul crinale nevoso che porta alle roccette finali.


[...] der Gipfel des Berges funkelt
im Abendsonnenschein.
Die schönste Jungfrau sitzet
dort oben wunderbar,
Ihr goldnes Geschmeide blitzet,
Sie kämmt ihr goldenes Haar.
Sie kämmt es mit goldenem Kamme,
und singt ein Lied dabei;
das hat eine wundersame,
gewaltige Melodei...

Il Monaco (4.105 mt.) è bello tondo proprio come se indossasse un saio. La salita, più breve, inizia con roccette friabili che si fanno sempre più compatte e che si alternano a tratti affilati di neve. La parte finale è totalmente in cresta .. una cresta fine fine con candide cornici sventate.


Che spettacolo!

1 commento:

manuel ha detto...

C'ERAVAMO ANCHE NOI, NON POSSIAMO CHE CONDIVIDERE CIò CHE AVETE SCRITTO.

UN GRAZIE ANCORA MANUEL E MERJ