domenica 3 aprile 2011

CIMA ROMA - M

2 Aprile 2011


..forse sarei dovuta rimanere a casa a curare questa brutta tosse, ma una serie di circostanze tra cui il cielo perfettamente azzurro ed un piacevolissimo sole mi hanno fatta saltare fuori dalle coperte per salire, prima a Campiglio e poi in Cima Roma in compagnia della NITRO.


E' un itinerario piuttosto semplice, ma teatro di grande pace e serenità: candidi pianori, guglie rocciose, sguardo che può divertirsi a rincorrere paesaggi lontani.



Giunte in cima condividiamo qualche biscottino con le ciabline (gracchio alpino o pyrrhocorax graculus) che con il primo tiepido sole si librano leggere nell'aria di questi posti incantevoli. Dopo la sfiducia iniziale, mentre scendo per riprendere gli sci, tre di loro, ai piedi della croce, intonano un'allegra melodia ..un ringraziamento, un arrivederci, un inno alla gioia di vivere quassù.


..three little birds,

singing sweet songs of melodies pure and true,

singing "this is my message to you-oo-oo"


Trachea e bronchi si lamentano, e non poco, ma la gita lascia come sempre piacevole emozioni.

2 commenti:

fabio ha detto...

Ciao, complimenti per il blog! Traspare molta passione per i nostri monti! Domandina tecnica: con un paio di amici avevamo in progetto di fare Cima Roma in ciaspole, però le temperature "africane" di questo inizio primavera ci stanno scoraggiando un pò..sapresti dirmi per favore com'è la neve lì da quelle parti? E' marcia oppure permette ancora una certa portanza per le ciaspole? grazie mille! ciao

Martina - Andrea ha detto...

Ciao Fabio, non posso risponderti via e-mail (perchè non disponibile) quindi lo scrivo qui.. Sabato mattina le condizione della neve erano buone e ho visto anche un paio di persone con le ciaspole. Dopo il temporale di lunedì pomeriggio, ieri e oggi le temperature (soprattutto al mattino) non sono così "africane" ;-) Buona gita!